Natale Mocchi

NATALE MOCCHI  poeta                                                            

Personaggi della Letteratura

Pavia e dintorni - Personaggi della Letteratura

Natale Mocchi (Pavia 1921 - Pavia 2009), personaggio pavese, illuminato medico e genuino poeta dialettale e in lingua, finissimo disegnatore, ha lasciato ai pavesi il ricordo di un amore profondo verso le sue origini e la sua citt.

Grazie al prezioso contributo di un caro amico, che ebbe in giovent il grande e fortunato piacere della paterna vicinanza di Natale Mocchi, abbiamo copiato di seguito una parte della prefazione che Monsignor Cesare Angelini fece, negli anni settanta, all' opera del Mocchi "La m cassina".

Si tratta di una raccolta di quadretti nei quali il poeta ha dipinto gli aspetti pi caratteristici della vita campestre, dei suoi personaggi, della sua cascina, in ogni stagione dell'anno.


 

La prefazione a questi versi ( la m cassina di Natale Mocchi) dovrebb'essere fatta nel dialetto in cui sono scritti, per adeguarne la schietta e saporita espressione. Il dialetto vero, genuino, che da noi trova il suo testo esemplare verso la met dell'Ottocento nella poesia di Siro Carati: Sirei Caro, mastr 'd Calvanoeuva.; il nostro piccolo Carlo Porta.

Oggi la sorte del dialetto, anche in provincia, non molto favorevole; la gente lo va dimenticando.
Tuttavia anche vero che in questi ultimi anni anche tra noi, dico tra le rive del Ticino e quelle della Vernavola, la voglia d'una produzione dialettale va allargandosi a macchia d'olio, e la stampa locale ne porta e ne sopporta gli esempi..
Ma c' un pericolo. Non sempre i nostri poeti dialettali pensano i loro versi in dialetto; spesso gli imprestano parole e costrutti di lingua, con desinenze dialettali. . e il disperdimento del vero dialetto, sul quale ha scritto cosa molto vera e sensata il nostro Augusto Vivanti. Il dialetto ha la sua nobilt proprio nella sua genuina ruvidezza.. Diceva il nostro Carlo Dossi che il dialetto il gran serbatoio della lingua, e pu prestarle espressioni e parole che, per essere nate al dosso delle cose, cio senza scorie letterarie, hanno una forza e una fragranza che spesso la lingua non ha..

Per questo ci fa piacere di fermarci un poco vicino ai versi di Natale Mocchi, arrivato ultimo nella pattuglia dei nostri dialettali (erano gli anni sessanta) ma con la voglia di recuperi e restauri del nostro dialetto paesano; premessa, naturalmente la sensibilit di poeta.

Vedete gi il titolo della raccolta: La m cassina, che poi il cascinale del Vallone dove s' svolta la sua infanzia e fanciullezza, e che egli ci ricorda e descrive com'era allora tanti anni fa.

Ne esce un piccolo mondo rurale che proprio nel ricordo, acquista suggestione, forza, vita; nascono quadretti luoghi, persone, fatti che, rendendo quella vita d'una volta, hanno gli odori e i colori e i sapori della terra, della terra vera; odore di cortile, di stalla, di pollaio, di aia, di stoppia, di nebbia ... ch'la vegna s dai foss .

Da l, dalla cascina, rivede passare le stagioni, via via col nuvolo e il sereno; mescolando uomini e cavalli e arnesi di lavoro, in una piena e cordiale partecipazione alla vita dei campi, alla fatica del contadino, che ne il protagonista. Vedetelo nel quadretto

Al Paisn

Da qund c spunta 'l su a la matina
da dr dla ses 'd l'ort,
fin a qund 'l va suta
da pus a la gab,
al paisn al laura.
In tsta la caplina,
la vita pieg in d,
Tt masar 'd sdur, la fcia ngra.
Dum la sira
dvnti a la so c,
cun la scdela d glma in d'una mn,
l riposa i so oss tt ms darn ...
Ins l'ra la vita dal pisn
tnti an fa.

D'uno stesso sapore e forse anche di maggiore evidenza l'altro quadretto: Arnst, al fatur. Ma noi vorremmo piluccare qua e l, alcuni particolari descrittivi del tempo e delle stagioni, per saggiarne la tempra e il timbro dei versi e del suo fertile e libero inventare.

Questa la cascina d'estate, La cassina d'estd:

La campagna l' frma suta l su,

l'aria infug la trema in si furmnt;

una sigla la tra via l fi

fin d'la matina.

e questa la cascina d'inverno, La cassina d'invran:

Un ciel lusnt
al brila in s'la campagna quat 'd nev
e i pint i-en binch d brina.
D'invrn l su l' bass
e 'l pr ch'l tuca i brch a d'la gab.

C' anche la cascina dopo il temporale, con un'eco di Quiete dopo la tempesta, ma dov' pi paesana:

Al tempural l' ndi.
Suta 'l portigh la gnt la vgna foeura
e la vita in d'la curt la rincumincia;
i passarei i gioeugan in sl tcc,
in ms a l'ra du galin i rspan
e i andt in dal fss i-en tt a fsta.
Ma in d'un cantn, par tra,
gh' un pvar pulastrei bl e neg.
.

 

Natale Mocchi preferisce cogliere le sue rime e i suoi ritmi su gli alberi pi che sui campanili; per c', nel libretto, un gruppo di versi dedicati alla citt, vicina, e ai suoi profili di torri e campanili di chiese

ch'i vn s drit in ciel me i cnn a 'd l'rgan

a purtagh la spernsa d'la so gnt.

E nella lirichetta intitolata I mr ad Pavia, ritorna il sentimento: poter leggervi sopra, come un libro aperto, la storia della citt:

vss bn da lg
tm me in un libar vrt
i mr dla m cit
.

Mocchi ha fermato nei suoi versi la favola della sua cascina: il tempo che se n' andato, e i suoi colori e sapori, le sue cose quiete e silenziose, il ricordo d'una vita umile e dura e piena di virt paesane, di buon senso contadino.

In un dialetto, dir in una vocazione di dialetto senza ambizioni e fondamentalmente genuino. Che sempre amore di Pavia.

Cesare Angelini

 

Sue poesie sono state pubblicate su:

- Antologia versi in tasca - Omaggio a Ungaretti, 1947;
- Antologia di poesia dialettale italiana, 1973;
- Antologia "Nuovo Friuli", 1975;
- Antologia selezione del Primo Premio CIAC per la Poesia, 1979.

Riconoscimenti:

- Medaglia d'oro al Concorso Nazionale Citt di Piacenza, 1974;
- Primo classificato per la Poesia dialettale al "Premio Quattro Stagioni-Premio Estate", 1978;
- Medaglia "L'ala della Vittoria", 1990.

 

Sempre attingendo alla medesima fonte amica, che oltretutto possiede la quasi totalit del repertorio delle opere del Mocchi, abbiamo ricostruito l'elenco dei lavori letterari e artistici del poeta: una rara e preziosa bibliografia che riproduciamo, collegata al sottoindicato link.
 

Il ricordo della mamma

La bibliografia essenziale di Natale Mocchi

-

Le Vostre Pagine  Le Vostre testimonianze, fotografie, aneddoti, ecc. che ci avete inviato.

Data:

Inviato da:

 

 

  Disegno autografo di Natale Mocchi 


"La cassina d'invran"

recitata dall'autore

  per iniziare