Luigi Robecchi Bricchetti

Figlio illegittimo del nobile Ercole Robecchi e della giovane sarta Teresa Bricchetti, soffrirÓ i contrasti tra i due genitori per il suo riconoscimento e mantenimento, che la madre riuscirÓ ad avere solo dopo una causa in Tribunale. Si iscrisse alla facoltÓ di Ingegneria civile nell'UniversitÓ di Pavia, ma proseguý gli studi all'UniversitÓ di Zurigo e si laure˛ a Karlsruhe, in Germania.

 

 

 

 

Luigi Robecchi Bricchetti nasce a Pavia il 21 Maggio del 1855.

Dopo la laurea , affascinato dai viaggi in terre lontane in particolare l'Africa, si reca nel 1885 in Egitto, poi 5 anni pi¨ tardi, dopo un primo fallimento, ripartirÓ per la Somalia per una esplorazione in terra sconosciuta nella regione dell'Obbia.

Durante il viaggio di oltre duemila chilometri sino ad Alula, realizza una grande serie di cartografie e fotografie, quasi ad anticipare i successivi lavori di reportage in terre sconosciute, che saranno intraprese successivamente, da altri esploratoti.

Tra il 1890 e il 1891 con un'altra spedizione esplora il territorio sconosciuto di Migiurtinia eseguendo anche qui notevoli osservazioni cartografiche ed etnografiche, nel 1896 compie una nuova traversata nel deserto della Libia sino all'oasi di Siuvah. Luigi Robecchi Bricchetti





<  L'esploratore con il giovane Mabrouk

Tornato definitivamente a Pavia con una grande quantitÓ di oggetti e documenti africani, si richiude in un suo mondo fatto di solitudine e di depressione, per morire nel 1926.

Delle sue varie imprese rimangono notevoli documentazioni da lui donate a vari musei, tra cui gli Etnografici e Antropologici di Firenze e Roma, al Museo di Pavia lascia l'archivio fotografico, la biblioteca, armi varie, oggetti raccolti in oltre 30 anni di viaggi ed esplorazioni.

Pavia, riconoscendo in lui un importante geografo ed esploratore a livello nazionale, gli dedica una via nella parte ovest della cittÓ.

 

 

 

 

 

 

VIA LUIGI

ROBECCHI BRICCHETTI

da via della Riviera a via Gaspare Aselli